Canale dei Mulini e Area di riequilibrio ecologico

Canale-dei-MuliniUn folto pubblico ha fatto da degna cornice alla presentazione della Guida del Canale dei Mulini. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Pietro Costa, da Legambiente e dal Comitato Ambiente e Paesaggio, ha proposto due obiettivi:

– valorizzare il Canale dei Mulini, dalla diga steccaia leonardesca di Tebano al Reno, chiedendo ai comuni interessati di promuovere un progetto che unisca tutti i punti di interesse architettonico, storico e naturalistico presenti lungo il suo percorso e che li presenti con una visione di insieme tale da potere essere appetibile turisticamente;

– la crezione a Castel Bolognese di un’area di Riequilibrio ecologico, disciplinata dalla legge n. 6 del 2005, che investa il fiume Senio dalla diga steccaia al Ponte del Castello e che comprenda il Canale dei Mulini, fino al Molino di Scodellino.

L’iniziativa ha visto, graditi ospiti, gli Amici del Molino di Scodellino, impegnati con il loro lavoro volontario e con l’apporto dell’Amministrazione comunale nell’opera di ristrutturazione dello storico manufatto. Ettore Badiali ha illustrato i “lavori in corso” ed ha auspicato una maggiore partecipazione di lavoro volontario.

Nell’ottica della valorizzazione del Canale, alcuni cittadini hanno proposto che, una volta conclusi i lavoro dei sottopassi, via Canale assuma la funzione di strada al solo servizio dei residenti, con senso unico nella direzione del paese.

Ha portato il suo contributo l’assessore all’ambiente Silvano Parrini, a nome dell’Amministrazione comunale che, lo ricordo con piacere, ha concesso il patrocinio all’iniziativa.

Tags:

Un pensiero su “Canale dei Mulini e Area di riequilibrio ecologico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *