La forza del “ragionevole dubbio”, un concetto arduo

Il film proiettato ieri sera al Molino Scodellino, l’ultimo della serie Il cinema in una stanza, curata da Lucio Sportelli, pur essendo stato pensato e prodotto da Henry Fonda, sessantuno anni fa, ci ha riportato in parte, per alcuni temi trattati (giustizialismo, razzismo, classismo), alla realtà dell’odierno dibattito italiano.

Oltre al merito, rispetto al quale ogni spettatore si sarà fatto una sua idea personale, ciò che ancora una volta stupisce è la capacità del cinema e della grandezza intellettuale dei suoi protagonisti di sapere leggere nel profondo la società. Fino al risultato di riuscire, spesso, ad essere preveggenti.

Come sapete, il film di cui parlo è La parola ai giurati, di Sidney Lumet. Consiglio a tutti di procurarselo e guardarlo. Oltre all’indubbio significato politico e sociale della pellicola, il film viene ancora usato in America come caso di scuola sui temi della composizione del confitto.

La rassegna, nata da un’idea dell’Associazione culturale Pietro Costa e sostenuta dagli Amici del fiume Senio e dagli Amici del Molino Scodellino, non che dal patrocinio dell’Amministrazione comunale, ha avuto successo. Un buon pubblico tutte le sere, attento, disponibile e generoso quel tanto che è bastato, tramite le proprie offerte volontarie, a contribuire al finanziamento delle pur modeste spese.

Il pubblico, attento e selezionato dalla proposta culturale certamente innovativa, ha dimostrato di gradire l’idea di valorizzare i palcoscenici naturali che il territorio offre. Sia che si tratti di fiumi o di canali, di storici manufatti o di luoghi legati ad eventi del passato. Il mio pensiero è che l’esperienza dell’Arena della balle di paglia di Cotignola, nata dieci anni fa, abbia aperto una strada e disseminato semi che pian piano ci regalano buoni frutti.

Associare cultura, arte, partecipazione, suggestione, narrazione, leggerezza al paesaggio e al territorio è una proposta vincente. Una strada da percorrere, confidando nel sostegno delle amministrazioni locali, molte delle quali, ad onor del vero, dimostrano di sapere cogliere questo nuovo vento.

 

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *