Potature alberi ornamentali, un esempio da seguire

Nei giorni scorsi due operatori del verde, credo provenienti da Faenza, hanno potato gli alberi del parco della Casa di Riposo e della Casa della Salute di Castel Bolognese.

Se pure da profano della materia, desidero complimentarmi con chi ha fatto il lavoro perchè hanno trattato con rispetto gli alberi. Proprio come ne aveva parlato Stefano Caroli nella bella serata al Teatrino dove il 5 dicembre scorso abbiamo parlato della cura degli alberi monumentali e del verde pubblico e privato.

La magnolia è stata lievemente spuntata, cosi come i grandi rami dei cedri del Libano (che poi cedri del Libano non sono). I cipressi sono stati pettinati, I pini sono stati leggermente alzati, agli altri alberi è stato tolto qualche ramo secco. Purtroppo in passato quel parco, riccamente alberato, ha subito notevoli mutilazioni compensate con la messa a dimora di alcune piante a lento accrescimento che non hanno certamente ripagato il danno causato. Speriamo che il corso delle cose sia cambiato.

Il centro abitato di Castel Bolognese ha molte centinaia di alberi di quel tipo, sia negli spazi pubblici, che nelle aree private. Penso che se ovunque si useranno i criteri adottati alla Casa di Riposo, il patrimonio arboreo che costituisce un vanto per la città, potrà continuerà a beneficiare i cittadini delle loro funzioni (Domenico Sportelli).

 

 

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *